RUBLO A ROBLOLI – LA MONETA RUSSA SFONDA QUOTA 100!

By -

RUBLO A ROBLOLI – LA MONETA RUSSA SFONDA QUOTA 100!
Scrivevo giusto ieri di come fosse in difficoltà l’economia russa, stretta tra un petrolio calante, un’inflazione crescente, un’economia in recessione e un rublo in caduta libera.

Serghej Shvezov, vicepresidente della Bank Rossii, la Banca Centrale Russa «Questa situazione non sarebbe stata immaginabile un anno fa neppure nel peggiore degli incubi». E la dichiarazione è ufficiale. Questo dà il polso della situazione, a Mosca, dove ci si mette le mani nei capelli di fronte ad una debacle che procede a valanga.

Giusto questa notte la decisione della Banca Centrale di alzare di ben 700 punti base il tasso di sconto ufficiale, un modo per richiamare gli investitori ed invertire i flussi, ma benché un avvio timido sulle quotazioni del rublo, in discesa, dopo poco tempo si è capito che la mossa della banchiera centrale era un palliativo di poco conto.

La borsa ha perso a metà giornata oltre il 17% in una sola seduta, rally così duro da far sembrare il problema greco una barzelletta.

Il rublo nel mentre ha sfondato i suoi minimi, dimezzando il valore sull’euro rispetto a tre mesi fa.

Il rublo è spesso indicato in termini esteri, per esempio tre mesi fa il RubloEUR era quota 50. Questo voleva dire che per comprare un euro erano necessari 50 rubli. Oggi siamo arrivati a quota 100. Le banche sono state colte così di sorpresa che non avevano i tabelloni per registrare la terza cifra. Poi in un momento di ripresa (rimbalzo tecnico) è tornato a quota 90. Comunque, si tratta sempre del dimezzamento del valore.
Il petrolio nel mentre ha contribuito, scendendo sotto quota 60$ e puntando minacciosamente (per loro) quota 50. Grande euforia invece tra gli automobilisti nostrani. Il bilancio di Mosca è stato costruito quest’anno immaginando un prezzo del barile a 100$, una quotazione oramai lontana dalla situazione reale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.