Finalmente! Renzi diserta conferenza con Merkel e Hollande. Loro rispondono a tono: Non era invitato. Il problema con Hollande.

By -

Finalmente! Renzi diserta conferenza con Merkel e Hollande. “Posizioni distanti”. (La verità è che sono opposte). ” E in più la Germania bara sul Surplus”, la smettesse. Finalmente Renzi diserta e apre un fronte ufficiale e non più ufficioso sulle linee da seguire. Un diplomatico transalpino(come riporta la Stampa) nega ogni scortesia: «Non era previsto dal formato» assicura. Ma la toppa è peggio del buco: quindi, dopo la Brexit, l’Italia è stata di nuovo tagliata fuori. Chapeau.

Che Renzi abbia alzato i tacchi (more likely) o che loro non lo abbiano incluso per motivi di forma (che poi invece un’Europa rappresentata dai due Paesi Core e basta dà l’idea di aver capito molto dalla Brexit) il punto rimane. Mettew è schiacciato tra economia che non va (e per quanto ci si possa impegnare, è limitatamente colpa sua) e consensi in calo, ha un cappio al collo che si è legato da solo chiamato Referendum e in Europa soffre di peso – persino della Mogherini (ufficialmente numero 2 dell’Unione) si sono perse le tracce, mentre il responsabile di LuxLeaks sermoneggia sulle tasse eluse dell’Irlanda.

Lo scontro frontale però non è con la Merkel, da cui ci si poteva aspettare tutto sommato l’atteggiamento che viene tenuto dall’inizio del suo mandato a questa parte (Flessibilità? Nein.). La rottura è con Hollande.  Il Presidente Francese, che già fa le valigie dall’Eliseo avendo un tasso di popolarità in Francia da prefisso telefonico, cambia idea di summit in summit (che poi non è così vero, visto che è rimasto -quasi- sempre fido a Frau Merkel) e Renzi che evidentemente si aspettava una sponda sull’economia è stato rimbalzato per l’ennesima volta.

François? va te f@ire f*utre. Probabilmente ha pesato nella trattativa anche la questione migranti, di cui l’Italia si lamenta in modo partenopeo ma in Europa è tra quelle che accoglie meno. E scaricandoli sugli altri mette sotto pressione le cancellerie estere (tedesche in particolare), fatto che si porta una non più remota possibilità: che alla prossima tornata elettorale l’Europa (non il Parlamento Europeo) sia composta da Paesi a guida avversa all’Europa stessa. 

© EPA

Renzi diserta conferenza

Ue, Renzi: ‘Non soddisfatto da conclusioni. Niente conferenza con Merkel e Hollande’

Ue, Renzi: ‘Non soddisfatto da conclusioni. Niente conferenza con Merkel e Hollande’

Il premier all’attacco dopo il vertice Ue di Bratislava, il primo dopo la Brexit. Merkel-Hollande ‘soddisfatti’, conferenza congiunta

Primo vertice Europeo a 27 a Bratislava dopo la Brexit. Il premier Matteo Renzi – a differenza di Francia e Germania – si è detto insoddifatto dei risultati.  “Il vertice di Bratislava ha visto alcuni passi avanti ma ancora è lontano” dalle sfide che l’Ue deve affrontare dopo la Brexit. Lo ha detto il premier Matteo Renzi al termine del vertice Ue di Bratislava.

La politica di austerity dell’Europa – ha ribadito Renzi chiedendo che si stimoli la crescita – “non ha funzionato”. Sulla questione dell’immigrazione “noi stiamo facendo la nostra parte e siamo pronti a farla anche da soli se necessario”. Renzi ha però criticato la Ue perché la soluzione individuata al vertice di Malta “è rimasta lettera morta”. “Sui migranti vogliamo vedere i fatti“, ha detto Renzi. Il vertice Ue a Bratislava “non è stato tempo perso. Ma definire il documento sui migranti di oggi un passo avanti richiede della fantasia” degna dei “funamboli da vocabolario. Si sono ridette le solite cose”. Se “l’unica cosa che fa la guardia costiera” europea “è portare migranti in Sicilia”, questo “non può continuare”. E quindi o “l’Ue fa accordi con Paesi africani o li facciamo da soli”. Ma “secondo noi sarebbe molto meglio se a farlo fosse l’Europa”.

Il premier ancora contro l’austerity e sui migranti dice: ‘Nessun passo avanti’. “Non sono soddisfatto delle conclusioni” del vertice “su crescita e immigrazione”. Per questo “non posso fare una conferenza stampa con Merkel e Hollande non condividendo le conclusioni come loro. Non è un fatto polemico”. Lo ha detto il premier Matteo Renzi al termine del vertice di Bratislava, commentando la conferenza stampa congiunta del presidente francese e della cancelliera tedesca. “Non devo fare una recita a copione per far vedere che siamo tutti uniti”, ha aggiunto il premier riferendosi alla conferenza stampa di Francia e Germania.

Le critiche alla Germania – “Così come i Paesi devono rispettare le regole del deficit, allo stesso modo si devono rispettare altre regole, come quella sul surplus commerciale. E ci sono alcuni Paesi che non la rispettano, il principale è la Germania.

Merkel-Hollande lodano ‘spirito Bratislava’ – Quello di Bratislava è “uno spirito di cooperazione” europea: lo ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel nel corso di una conferenza stampa congiunta con il presidente francese Francois Hollande al termine del vertice informale Ue di Bratislava. C’è stata intesa che “dobbiamo concordare un’agenda, avere un piano di lavoro”, ha aggiunto la Cancelliera.

“Sebbene un paese abbia deciso di lasciarla, l’Unione europea resta indispensabile per il resto di noi”. Si legge nella‘Dichiarazione di Bratislava’, documento finale del vertice. “La Ue non è perfetta ma è il migliore strumento” davanti alle nuove sfide. I 27 affermano che “abbiamo bisogno di migliorare le comunicazioni tra noi, stati membri, con le istituzioni europee, ma ancora di più con i cittadini” e “focalizzarsi” sulle loro attese “con coraggio per affrontare le soluzioni semplicistiche delle forze estremiste e populiste”.

Juncker, Renzi? Era d’accordo sul mio programma – “Non sono il portavoce di Matteo Renzi, ma credo che sull’essenziale appoggi il discorso che ho fatto al Parlamento europeo sullo stato dell’Unione. Era molto positivo quando si è espresso sugli elementi principali di quel discorso. Era completamente a favore”. Così Jean Claude Juncker ha commentato, ai microfoni della Rai, le dichiarazioni di Matteo Renzi, insoddisfatto dell’andamento del vertice informale di Bratislava.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.