Finalmente, Padoan e l’Europa. La tocca piano: i problemi dell’Europa nascono da chi la dirige!

By -

Padoan e l’Europa: SBEM! Padoan la tocca piano al World Economic Forum di Davos: “i problemi dell’Europa nascono da chi la dirige”. “L’Europa fornisce i giusti argomenti per il populismo“, che in sostanza significa: non avete capito una mazza dei tempi in cui siamo, adeguatevi. (E magari smettetela di rompere sui conti)

L’uscita suona tanto forte sia per il posto da cui è stata lanciata (niente popò di meno del WEF), sia per l’attivismo generale dei Ministri della Repubblica.

 

Padoan a Davos, problemi Ue nascono a Bruxelles

L’Europa talvolta fornisce i giusti argomenti per il populismo

”Il problema dell’Europa è l’Europa. I nostri problemi nascono a Bruxelles e, talvolta, a Francoforte. Questo è il problema. Dobbiamo rovesciare completamente le politiche perchè ora si stanno dando i giusti argomenti per convincere che il populismo ha ragione”. Lo ha detto il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan a Davos durante un dibattito sulla “classe media”, sottolinenando che nelle economie avanzate e specialmente in Europa l’insoddisfazione della classe media, la disillusione per il futuro e la delusione per le prospettive “vengono espresse dicendo no a qualsiasi cosa i leader politici suggeriscano” e in queste condizioni “individuare delle soluzioni è più difficile che dire no”.

“Lasciatemi rassicurare – ha detto il ministro Padoan – sul fatto che in Italia stiamo continuando la strategia delle riforme strutturali” notando che a volte “i media non sono interessati al duro lavoro di implementazione che parte il giorno l’annuncio delle riforme”.

Le economie avanzate – ha detto ancora – e specialmente l’Europa l’insoddisfazione della clase media, la disillusione per il futuro e la delusione per le prospettive “vengono espresse dicendo no a qualsiasi cosa i leader politici suggeriscano” e in queste condizioni “individuare delle soluzioni è più difficile che dire no”.

A Davos ha parlato anche il direttore generale del Fondo monetario internazionale Christine Lagarde. “E’ tempo che i leader politici ripensino profondamente le politiche economiche e monetarie, di fronte alla chiara risposta di protesta e delusione della classe media che arriva dai risultati politici in Usa o Europa”. “Probabilmente significa che ci vuole una maggiore redistribuzione dei redditi di quanta ne abbiamo oggi”, ha detto Lagarde a un panel del Forum economico mondiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.