Estinzione Uomo: per gli USA è iniziata.

By -

La notizia è di quelle che dovrebbe far scattare riunioni d’emergenza all’ONU. Estinzione Uomo: è iniziata da un pezzo, è in corso la VI estinzione di massa.

Il tasso di estinzione delle specie è 100 volte superiore al normale, e il professore intervistato dice: “Pensate alla giraffa: di fatto è una specie morta che cammina”. Allegria.

Il rischio per l’uomo però mi sembra esagerato, benché le specie di cui si perde traccia (principalmente insetti di piccola taglia e di cui non conoscevate nemmeno l’esistenza) abbiano un ruolo nell’ecosistema. Che è il vero matador, visto che è a causa sua se le specie muoiono.. ma soprattutto è a causa dell’uomo se l’ecosistema reagisce in questo modo.

Deforestazione, inquinamento, sfruttamento minacciano gli ecosistemi. Un appello al mondo di rispettare la casa in cui si abita perché non ci sfratti.

L’abstract studio Science Advances

L’articolo su sito Università di Stanford

Chart showing extinctions by century

da: Il Fatto Quotidiano

Della sesta estinzione di massa si parla sin dal 2004, ma adesso, secondo gli scienziati, la Terra è entrata in una fase per cui gli animali, e non si può escludere l’uomo, stanno scomparendo 100 volte più velocemente del tasso previsto. L’uomo ne è responsabile con la distruzione degli habitat, l’inquinamento e ilcambiamento climatico: comportamenti che hanno già causato la perdita di almeno 77 specie di mammiferi, 140 tipi di uccelli dal e 34 anfibi fin dal 1500. Nella lista ci sono il dodo, il lupo delle Isole Falkland, il quagga, il leopardo di Formosa, l’orso Atlas, la tigre del Caspio e il leone del Capo.

Gli scienziati della Stanford University negli Stati Uniti sostengono che è la più grande perdita di specie dall’estinzione di massa del Cretaceo-Terziario, che comportò la sparizione dei dinosauri 66 milioni anni fa. “I nostri calcoli molto probabilmente sottostimano la gravità – spiega il professor Paul Ehrlich -. Ci sono esempi di specie in tutto il mondo che sono essenzialmentemorti che camminano“.

Tra questi c’è anche la giraffa. Simbolo indiscusso della natura africana dal Sub-Sahara al Sud-Africa, dal Kenya alla Nigeria, negli ultimi quindici anni ha subito un declino del 40%, con 80.000 esemplari rimasti in natura. Così le è stata dedicata una Giornata mondiale che ricorre proprio oggi il 21 giugno. Fra le nove sottospecie di Giraffa quella di Rothschild è la più a rischio.

A provocare queste crisi è sempre l’uomo: si stima che nelle isole tropicali dell’Oceania siano sparite fino a 1800 specie di uccelli negli ultimi 2000 anni ed è probabile che siamo stati noi a distruggere la megafauna in Australia tra cui un wombato gigante, un leone marsupiale e un canguro carnivoro. Attualmente un mammifero su quattro mammiferi è a rischio e il 41 per cento degli anfibi. “Se si dovesse continuare così, la vita avrebbe bisogno di molti milioni di anni per recuperare e anche la nostra stessa specie probabilmente potrebbe sparire presto” dice il ricercatore messicano Gerardo Ceballo. Per evitare il disastro finali gli scienziati chiedono di intensificare e velocizzare gli interventi per laconservazione delle specie minacciate per conservare gli habitat, evitare  lo sfruttamento eccessivo delle risorse e controllare il cambiamento climatico.

4 Comments to Estinzione Uomo: per gli USA è iniziata.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.