Distruggete l’economia, ma guai a toccare la vodka! Putin salta sulle barricate per proteggere il distillato nazionale

By -

Tutti questi scossoni all’economia Russa, che ora è in recessione, hanno portato una fiammata di inflazione che ha colpito tutti i beni, da quelli volubili a quelli di prima necessità, che in Russia sono: vodka.

Putin, che sta godendo di un consenso quasi unanime nella popolazione, e che è stato recentemente eletto Uomo dell’Anno 2014 in Russia, non vuole di sicuro essere ricordato come il Presidente sotto cui la vodka divenne troppo costosa per essere consumata.

In un anno infatti il prezzo della vodka è aumentato del 30%, un “rincaro cospicuo”.

Allora il Governo si è attrezzato e ha deciso di mettere un tetto al prezzo.

La motivazione ufficiale è che un prezzo in ascesa della vodka, unito a ricchezza in picchiata della popolazione, porterebbe ad un commercio di contrabbando di vodka di bassa qualità, mettendo a repentaglio la salute della popolazione, con conseguenti costi.

Insomma, non toccate la vodka all’orso russo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.