Debiti di Renzi senior pagati dallo Stato grazie al figlio

By -

Il lancio di agenzia parrebbe al limite dell’assurdo, ma in Italia ha buone probabilità di essere vero.

L’attuale Governo guidato da Matteo Renzi avrebbe pagato i 236 mila euro di debiti contratti da Tiziano Renzi, il padre. Il figlio ha pagato i debiti a suo babbo coi soldi pubblici. Lo ha scoperto il Fatto Quotidiano, dopo una denuncia di un Consigliere Regionale toscano e sul web si sta alzando l’ennesimo polverone.

L’articolo si apre in modo a dir poco sorprendente:

A saldare i debiti del padre ci pensa il governo del figlio. Debiti, tra l’altro, concessi da una banca guidata da un fedelissimo del figlio, già in società con il fratello del cognato, a sua volta socio in un’altra azienda di famiglia riconducibile alla madre.

Il fattaccio risale al 30 ottobre 2014, quando il Ministero dell’Economia rimborsa la società Fidi attraverso il Fondo centrale di garanzia. E benché sia tutto legale, la vicenda lascia qualche domanda e fa venire qualche sospetto.

Ma che è successo?

La Chil Post, azienda di Tiziano Renzi, va in fallimento nel marzo del 2013, dopo aver venduto la parte buona della società alla Eventi 6, intestata alla moglie. E su questo indaga la magistratura per bancarotta fraudolenta. La società Chil Post rimane quindi in possesso dei debiti, quantificati in 496717,6 euro, stipulati con il Credito Cooperativo di Pontassieve, guidata da Matteo Spanò, amico del figlio di Tiziano, Matteo.

Matteo Spanò

Matteo Spanò

Spanò è un personaggio anche lui molto colorito. Guida il Credito Cooperativo, nel 2005 era stato nominato Direttore Generale della Florence Multimedia, la società che Matteo Renzi aveva fatto creare per promuovere le sue campagne elettorali a spese pubbliche, e che la Corte dei Conti ha poi preso nel mirino per un danno erariale stimato in 10 milioni di euro. Inoltre Spanò era anche socio col fratello del marito della sorella di Renzi, in Dot Media, società che riceveva appalti dal comune di Firenze quando questo era sotto la sua amministrazione e da altre controllate, come Firenze Parcheggi, guidate da Marco Carrai, che oggi troviamo immerso nelle controllate del comune e nell’aeroporto di Peretola.

Ora inizia il bello: il prestito è molto sospetto, perché è chirografaro. Non ha garanzie a collaterale. Provate a chiedere, per un’impresa qualunque, un prestito di 500 mila euro senza garanzie e vediamo come vi trattano. Comunque, quando Spanò diventa presidente della banca, elargisce il prestito, coprendosi un po’ le spalle con la garanzia del fondo per le piccole e medie imprese della Fidi Toscana S.p.A., una società guidata dalla Regione Toscana e partecipata da Provincia di Firenze e Comune di Firenze. Nel 2009 quando verrà erogato il debito, Renzi junior aveva appena fatto il salto da provincia a comune. E quindi la Fidi Toscana non trova particolari freni e delibera di coprire l’80% del debito.

Poi, continua, il debito viene erogato il 13 agosto del 2009. Per due anni la Chil Post versa tranquillamente le rate, poi qualcosa va storto. Nel mentre la società era stata “svuotata” da Tiziano Renzi della parte buona, “venduta” a Eventi 6 della moglie. Smette di pagare e dichiara fallimento. Ciao!

La banca a quel punto si ritrova con il mutuo di 260 mila euro non rimborsato e si rivolge alla Fidi Toscana che aveva garantito l’80%. Pagata la rata, Fidi Toscana riceve un dono dal Ministero dell’Economia, il 18 giugno 2014. La rimborsa esattamente del pagamento effettuato alla Banca guidata da Spanò tramite il fondo centrale di garanzia, quindi lo Stato ha pagato il debito contratto da Tiziano Renzi. La liquidazione del “dovuto” avviene il 30 ottobre.

Gabriella Gori, alla guida di Fidi, afferma che l’operazione ha portato una perdita di 26 mila euro. Si è insediata dopo che Leonardo Zamparella è stato costretto a dimettersi dal CdA perché è stato condannato a 2 anni e 4 mesi di reclusione per concorso in bancarotta, per una vicenda legata a Monte dei Paschi.

Sempre il Fatto però ha scoperto che la società non comunicò alla Fidi Toscana di aver spostato la sede a Genova per non perdere il fido. Per correttezza, va riportato che a Fidi Toscana è stato spesso concesso il rientro di coperture. Dal 2009 che è stata creata, ha elargito 1 miliardo e 250 milioni circa, e di coperture ha sborsato di tasca propria, alla fine dei conti, solo 16 milioni. Quindi si tratta di normale amministrazione. Fa un po’ scena il fatto che le due parti abbiano un conflitto di interessi abbastanza rilevante, e soprattutto che sotto ci sia un groviglio di relazioni poco trasparente. Chil Post è stata una delle prime società in assoluto a chiedere garanzia alla partecipata e una delle prime ad andare in sofferenza, rivela Simonetta Baldi, responsabile del settore amministrativo a sostegno delle imprese e quindi in contatto con Fidi Toscana. È per questo che il Tesoro si è mosso in modo così tempestivo.

 

4 Comments to Debiti di Renzi senior pagati dallo Stato grazie al figlio

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.