[CONFIDENZIALE!] Elenco documenti TTIP pubblicati e rubati

By -

[Prima di iniziare a leggere questo, hai letto la parte 1? Se non l’hai fatto, clicca qui!]

Qui c’è l’elenco dei documenti in possesso da parte dell’opinione pubblica sul trattato transatlantico sugli investimenti e sul commercio.

DISCLAIMER

Alcuni di questi file sono CONFIDENZIALI per la Commissione Europea e il Governo degli Stati Uniti, tuttavia essendo facilmente reperibili su internet sono intesi di pubblico dominio e quindi  di seguito pubblicati. Per qualsiasi problema, rimozione, censura, rivolgersi all’amministratore del sito.

 

Su ogni documento si sono accese aspre polemiche, soprattutto sul secondo e sull’ultimo.

Sul documento della chimica, per esempio, è dura la critica contro il ridimensionamento dei controlli sui prodotti e sulla loro nocività. Il CIEL, Center for International Enviormental Law, ha criticato i punti perché non porterebbero grandi benefici all’Europa, se non un vantaggio per gli USA sulle ricerche di sostanze in cui l’Europa ora è avanti, un imbavagliamento degli Stati sotto l’UE per questioni legate a dispute legali, e soprattutto, il blocco dello sviluppo di leggi di protezione dell’ambiente, anti inquinamento e di tutela per i civili, come per esempio la legge Seveso in Europa.

Sull’ultimo, la questione pone profondi dubbi sulla democraticità e impone seri approfondimenti: Diritti speciali per le imprese che investono.

In Germania la protesta è divampata tra le parti sociali. I punti e le clausole si trovano nel 2° capitolo dell’ultimo documento nella lista poco più in alto. I diritti speciali si rifanno anche alla presenza dell’Investor-state dispute settlement, l’ISDS, un tribunale speciale amministrativo e giudiziario fatto per risolvere le controversie tra aziende/investitori e Stati. Uno strumento già utilizzato dagli Stati Uniti nell’area di scambio Canada-USA-Messico, nel capitolo 11 del trattato, premette alle imprese di portare in un tribunale arbitrale privato lo Stato che ha violato le regole del commercio internazionale.

Ci sono stati più punti di critica, alcuni forse volutamente semplificatori della questione. Il video seguente che spiega come funziona è statato elaborato dal gruppo parlamentare Europe of Freedom e Direct Democracy, EFD2, molto critico verso il trattato. Il Movimento 5 stelle ha poi tradotto il video in italiano.

 


Gli argomenti sono trattati forse con eccessiva superficialità, per far arrivare il messaggio a più persone possibili, e le questioni probabilmente più sensibili sono lasciate in fondo e poco toccate: i servizi pubblici che in Europa fanno parte del welfare potrebbero essere tutti privatizzati e venduti a multinazionali americane (che poi è quello a cui puntano in sostanza), compresa la sanità, e ancora di più, le campagne progresso e legislative portate avanti dai Governi per migliorare la sanità, la salute, i diritti e l’ambiente potrebbero essere citate dagli investitori come lesive dei loro interessi e quindi punibili con risarcimenti miliardari. Questi ovviamente sono grandi deterrenti per indirizzare l’azione politica verso certi temi.

Le precedenti applicazioni del tribunale ISDS hanno mostrato che le corti sarebbero composte da giudici e avvocati nominati dagli investitori, e quindi i giudizi sarebbero parziali e non corretti. Inoltre questi tribunali sfuggirebbero ad ogni controllo di tipo giudiziario democratico statale, visto che sarebbero al di sopra di ogni organismo nazionale. E la loro decisione sarebbe insindacabile. Inoltre mancherebbe la adeguata trasparenza delle decisioni, venendo molte secretate e definite “confidenziali”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.