Come risolvere il debito pubblico in Italia?

By -

Come risolvere debito pubblico?

Sta passando un treno al binario uno della stazione economica internazionale. È il treno del quantitative easing europeo varato dalla BCE, il bazooka di Draghi. Questa può essere la chiave di volta per risolvere il problema del debito pubblico italiano, o quanto meno ridimensionarlo notevolmente.

È un treno che parte in primavera e su cui possiamo montare allegri e contenti. Ci costa pochissimo rispetto alle manovre lacrime e sangue chieste dall’Unione Europea e consente di crescere!

Ma che alchimia mai sarà, vi chiederete.

Risolvere debito pubblico italiano.

Quello riportato lì sopra è il debito su PIL italiano. È definito come il grado di indebitamento per eccellenza. Se lo Stato fosse una persona, il Debito/PIL direbbe quanti debiti hai rispetto al tuo reddito annuo. Nel 2014 si è toccato il record storico di 132,6%: cioè, se hai 100 mila euro di reddito, hai 132600 euro di debiti. Troppi: di Paesi che hanno tassi superiori al mondo ci sono solo la Grecia (che per dimensione dello stock di debito non è paragonabile) e il Giappone, che però vive in una condizione particolare e può permetterselo, Saint Kitts e Nevis, la Giamaica e il Libano.

Ma perché invece di guardare alle cifre assolute ( l’America ha più debito di noi, per esempio), si guarda al rapporto debito/PIL? Il PIL viene preso come un parametro, un indicatore per analizzare la capacità di rimborso di uno Stato. Lo Stato sul PIL ci applica la tassazione, per esempio; Parlando di debito pubblico è importante l’andamento del rapporto e l’andamento del PIL. La cifra assoluta interessa il giusto.

Questo è il debito pubblico su PIL nel tempo. Negli ultimi anni è andato abbastanza male.

Visto che quindi l’Italia ha una posizione finanziaria pessima, e non può alzare le tasse o fare manovre per contenere ancora di più il deficit, come si può ridurre il debito?

Le soluzioni più semplici sono due. La prima è il cut-off. Nulla di speciale, lo fanno usualmente le aziende che vanno male, la legge glielo consente. Una parte del debito non viene rimborsata e se la accollano (bestemiando) i creditori. E’ quello che, zitta zitta, ha fatto l’Islanda, e quello che va dicendo che farà Tsipras in Grecia. Tsipras, con questa proposta, vincerà domenica prossima le elezioni, ma il debito potete essere certi che non glielo taglieranno. In altre parole, quello che viene consentito usualmente alle aziende (ma che fu consentito anche alla Germania dopo la seconda guerra mondiale; ma c’è da capirlo, c’era di mezzo la Guerra Fredda e la lotta al comunismo…) non sarà consentito alla Grecia. E per evidenti motivi, non sarà mai consentito neanche all’Italia.

La seconda soluzione è una patrimoniale, cioè una tassa sui patrimoni. Se hai un debito molto grande,  infatti, dovresti andare a pescare i soldi dove stanno. Il problema, in democrazia, è che i grandi patrimoni sono tassabili fino a un certo punto, e che per riuscire a realizzare un montante adeguato di riduzione del debito occorrerebbe toccare i patrimoni medi e piccoli. Chi fa un’operazione del genere, si dice, perde sicuramente le elezioni, e nessuno ha voglia di correre un rischio del genere. Fatto sta che contro la patrimoniale non sono soltanto quei partiti che (pur raccontando che Cristo è morto dal sonno e che hanno a cuore i destini dell’intera Nazione) rappresentano ideologie liberiste e interessi dei gruppi sociali più ricchi, ma anche il partito che (in Italia, oggi) ha la maggioranza relativa, la responsabilità di governo e dovrebbe rappresentare il lavoro dipendente e le fasce medie e medio-basse di reddito, quelle meno patrimonializzate.

Ma allora non c’è proprio una possibilità di ridurre questo debito pubblico maledetto, che ostacola ogni investimento pubblico anticiclico, che ci obbliga a spendere sempre meno in sanità e istruzione peggiorando il nostro livello di vita, che si mangia persino lavoro? Una possibilità in effetti ora c’è.

 Risolvere debito pubblico Sfruttando il QE!

Risolvere debito pubblico

Andrò subito al nocciolo senza girarci intorno, con i passaggi.

  1. Banca d’Italia, la Banca Centrale Europea a Roma, acquista titolo di Stato italiani, che hanno un rendimento.
  2. La Banca d’Italia BCE si troverà quindi a ricevere dopo un po’ di tempo (1 anno) ingenti flussi di cassa, i dividendi dello Stato, che finiranno nella sua cassaforte.
  3. La Banca d’Italia BCE usa quei dividendi per stralciare debito già acquistato e che ha in pancia, mentre continua col suo processo di acquisto.

Ogni anno lo Stato italiano paga circa 90 miliardi di interessi. Questa cifra varia in base al tasso medio, che varia a sua volta a ogni emissione di nuovo debito. Poniamo paghi per i prossimi 3 anni 90 miliardi ogni anno. A regime massimo, se la Banca d’Italia BCE acquistasse il 33% del debito pubblico, riceverebbe circa 30 miliardi l’anno di dividendi (33% di 90 miliardi).

Se stralciasse debito per tre anni di fila, 2015, 2016 e 2017, lo ridurrebbe per 90 miliardi.

In più, col fatto che probabilmente l’inflazione sarebbe ripresa e il PIL augurabilmente aumentato, il rapporto Debito/PIL potrebbe calare verticalmente in pochi anni, riavvicinandosi a quota 100%, vicino alla Francia (93%) e al Regno Unito (90%).

Le opposizioni principali arriverebbero dalla Germania. Un processo del genere farebbe venire fuori una spinta inflazionistica “forte” (per i tedeschi, s’intende), che vanificherebbe gli sforzi compiuti in Italia per guadagnare competitività sui partner europei. Inoltre si potrebbe riversare sul resto dell’area euro.

Non solo: un’allentamento della pressione internazionale sulle riforme da fare in Italia (che sono tutte fuorché riforma della legge elettorale e dello statuto dei lavoratori) potrebbe far rilassare il legislatore e fermare tutto. È per questo che lo Stato dovrebbe comunque far fronte ai pagamenti alla Banca d’Italia, per tenere le redini del bilancio.

C’è da considerare che un’operazione del genere andrebbe oltre i mandati delle Banche Centrali nazionali, sotto le ali della BCE. Quindi ci vorrebbe un input estero per far partire un programma del genere.

Per ridurre il debito, la Germania l’Europa oggi chiede che si riduca del 5% l’anno fino a tornare ad un rapporto debito PIL del 60%. Il 5% di 2000 miliardi sono 100 miliardi, ogni anno.

Inoltre potrebbe essere nel mentre attuata l’idea di Piketty, l’economista francese ora molto in voga: fare un fondo comune per ridurre il debito. Ovviamente chi ne beneficerebbe di più sarebbero i Paesi del Sud Europa e a pagare sarebbero quelli del Nord: è più facile la mia, di soluzione.

ps. questa Soluzione è abbastanza simile a quella che Draghi varò per le banche quando si seccò il mercato interbancario. Gli istituti ricevevano finanziamenti dando a collaterale titoli, che deteneva la BCE (BOT , Bund od obbligazioni di compagnie private) a titolo di garanzia. Quando questi titoli pagavano le cedole però la BCE li girava agli istituti che glieli avevano dati, che guadagnavano quindi 2 volte: pagavano interessi quasi nulli e mantenevano i ritorni dagli investimenti.

 

10 Comments to Come risolvere il debito pubblico in Italia?

  1. Io mi chiedo a livello politico chi può prendere le redini
    Per risolvere il problema quantitative easino europeo
    Varato dalla BSE ?

Rispondi a giancarlo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.